VIDEO. Siria, all’OPCW medici e abitanti di Douma negano che ci sia stato un attacco chimico

17 testimoni oculari a zero. Questo al momento il bilancio impietoso sul presunto attacco chimico a Douma, pretesto per tre paesi Nato per l’ennesimo crimine internazionale.

Diversi testimoni oculari del presunto attacco chimico che avrebbe avuto luogo il 7 aprile scorso a Douma, Ghouta orientale, zona rurale di Damasco, oggi, hanno offerto la loro testimonianza presso la sede dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) a L’Aia.
 
Questo evento è stato organizzato dai rappresentanti permanenti della Russia e della Siria all’OPCW e il suo scopo era quello di dimostrare che il video dell’organizzazione ‘Caschi Bianchi’, servito come scusa per gli Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna per lanciare missili contro la Siria il 14 Aprile scorso, era un montaggio.

Omar Diab, un abitante di Douma, ha riferito che, quando sono arrivati all’ospedale, alcune persone hanno portato i loro figli al pronto soccorso e cominciato a versargli acqua “senza il mio permesso”. Più tardi, la moglie ha spiegato che i bambini erano lì “senza alcuna spiegazione”, perché ” non abbiamo visto alcun avvelenamento chimico né la mia famiglia né io” e ora sono “in buone condizioni”.
 
Suo figlio Hasan, 11 anni, compare nel video dei Caschi Bianchi come la presunta vittima, ha raccontato: “Stavamo nel seminterrato e abbiamo sentito urlare ‘Lasciateli andare in ospedale!'” Siamo passati attraverso un tunnel, hanno iniziato a versare acqua su di me e, non so perché, mi hanno portato in un altro posto. “
 

 
Halel al Jaish, medico di quel dipartimento dell’ospedale per le urgenze, ha sostenuto che quel giorno “si prendeva cura delle vittime delle azioni militari” quando “verso le 19:00 hanno ricevuto pazienti solo con sintomi di ipossia” che “non erano seri” e sono apparsi perché la gente aveva inalato molta polvere dal bombardamento degli edifici vicini.”
 
Poi, un uomo dei Caschi bianchi è venuto e ha iniziato a gridare qualcosa sull’uso di armi chimiche e “molte persone sconosciute che hanno creato il caos” hanno iniziato a comparire e “hanno iniziato a versare acqua sulle persone”, ha aggiunto Jaish.
 
“Non ci credevamo perché, come specialisti, abbiamo visto che non c’era alcuna indicazione sull’uso di agenti tossici: non c’erano casi strani e, dopo diverse ore, tutte le persone che erano presenti sono tornate a casa”, ha spiegato il medico.
 
Abdurajmán Jidzhazi, un operaio che lavora a Duma, ha dichiarato che il 7 aprile “non c’era odore o niente” nel luogo in cui si sarebbe verificato l’attacco chimico e ha osservato che “non ha sentito l’influenza di sostanze tossiche” né ha visto quei sintomi negli altri.
 
Allo stesso modo, la sua testimonianza coincisa con le precedenti spiega che “le urla di persone sconosciute hanno generato caos e la gente si è spaventata” e ha spiegato che la sostanza che veniva pulita dai Caschi bianchi era polvere.
 
Said Daas, un impiegato del laboratorio dell’ospedale di Duma che esegue esami del sangue, ha assicurato che quel giorno sul suo posto di lavoro c’erano “molti feriti dopo gli attacchi”. “Ero in laboratorio quando ho sentito:” Armi chimiche! Armi chimiche! ‘”. Tuttavia, ha solo sentito “l’odore di fumo, polvere” e ha insistito sul fatto che “se fossero armi chimiche, avremmo percepito qualcosa”.
 
Montaz Janash, infermiera, ha precisato che, quando è iniziato il panico, le persone hanno iniziato ad applicare misure mediche senza consultarci. “Dopo aver condotto un esame, non abbiamo trovato alcun segno dell’uso di armi chimiche”, ha evidenziato, da parte sua il medico Hasan Oyun ha scoperto che quel giorno il personale dell’ospedale non ha inviato “alcun bambino o adulto” per ulteriori trattamenti.
 

In totale, 17 testimoni sono arrivati a L’Aia a spiegare quello che è successo a Duma. L’analista politico Carlos Santa Maria intervistato da RT per un commento dopo la conferenza stampa ha assicurato che queste dichiarazioni dimostrano” che i gruppi armati sostenuti dagli Stati Uniti, dalla Francia e il Regno Unito ha fatto un montaggio di corso incisione Duma. Tuttavia, questi tre paesi “nasconderanno” la verità, ha aggiunto.
 

          Mia Immagine      

Feed RSS di lantidiplomatico.it 1970-01-01 02:00:00

“I francesi ci ha rafforzato in Siria con le loro forze speciali nelle ultime due settimane”, ha dichiarato Mattis in un’audizione davanti al Congresso degli Stati Uniti, sostenendo che queste truppe sosterranno Washington nella sua lotta contro il gruppo terroristico ISIS (Daesh, in arabo).
 
Questo annuncio arriva pochi giorni dopo che diversi rapporti hanno rivelato che gli Stati Uniti stanno istituendo una nuova base militare nella provincia di Al-Hasaka, nel nord-est della Siria, e la Francia lo sta supportando inviando diversi convogli militari in quest’area.
 
Il capo della Difesa statunitense, tuttavia, ha sottolineato che le forze francesi sosterranno gli Stati Uniti al confine siriano con l’Iraq, una regione controllata dalle YPG curde.
 
“Vedranno un aumento delle operazioni sul lato iracheno del confine (…) Questa è una lotta continua in questo momento”, ha aggiunto Mattis, citato dall’agenzia di stampa britannica Reuters.
 
Inoltre, alla domanda sul recente annuncio del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sul ritiro delle truppe statunitensi dal territorio siriano, Mattis ha risposto che “non” avverrebbe in questo momento.
 
 

          Mia Immagine      

Terremoto, piccola scossa a Massa di Somma: l’epicentro è il Vesuvio

La rilevazione dell’INGV (Istituto Nazionale di geologia e vulcanologia) è stata effettuata e comunicata insieme all’Osservatorio vesuviano. Per fortuna si è trattato di una scossa di lieve entità che non ha provocato ne danni ne particolari allarmismi. L’unica preoccupazione è rappresentata dalla zona in cui si trova l’epicentro, ovvero il Vesuvio ma assestamenti del terreno dovrebbero capitare […]

L’articolo Terremoto, piccola scossa a Massa di Somma: l’epicentro è il Vesuvio sembra essere il primo su Voce di Napoli.

          Mia Immagine      

Minorenne palestinese ferito è stato rapito da soldati israeliani a Betlemme

Betlemme-PIC. Un ragazzo palestinese ferito è stato rapito all’alba di giovedì a seguito dell’irruzione delle forze di occupazione israeliane nel campo rifugiati Duheisheh, nella provincia di Betlemme. Il residente locale Emad Shahin ha detto che le forze di occupazione hanno devastato la casa della famiglia di suo nipote ferito Hussein Shahin, 16 anni, dopo aver fatto saltare in aria i cancelli … Continua a leggere

          Mia Immagine