Ruggito Azzurro: Porta sbattuta in faccia

C’era una volta l’attacco azzurro

Dopo lo 0-0 con l’Inter arriva lo stesso risultato anche contro il Milan. Gli azzurri, reduci da una prova opaca, ad un minuto dalla fine trovano la porta chiusa con Milik che si fa parare a pochi passi dalla porta, un tiro a botta sicura da Donnarumma che infrange con molta probabilità il sogno di festeggiare il terzo scudetto. Il Napoli sembra scoppiato più dal punto di vista mentale che fisico. Il punto di forza della squadra, ovvero l’attacco, si sta rivelando invece l’esatto contrario con un rendimento realizzativo insufficiente rispetto ai canoni mostrati lo scorso anno. Ha sicuramente influito l’infortunio di Ghoulam che con le sue percussioni offensive, rendeva tutta la catena azzurra un’orchestra devastante per le difese avversarie.

Zoccolo poco duro

Nel momento topico della stagione, uomini chiave come Allan, Mertens, Insigne, Callejon, Koulibaly e Jorginho, sono calati di rendimento e questo ha pesantemente condizionato il rendimento azzurro non riuscendo più a bissare una striscia di vittorie consecutive che si è fermata a dieci. La differenza tra Napoli e Juve sta che nei bianconeri quando calano i suoi uomini chiave vengono sostituiti da altrettanti giocatori di livello senza alterare più di tanto il rendimento. Il Napoli sin dai preliminari ha fatto affidamento solo a quattordici giocatori. Non è bastato puntare solo al campionato per preservare le forze, alla fine il crollo fisico è arrivato e la manovra si è rallentata pian piano, facendo svanire di colpo l’effetto sorpresa che provocava il gioco di Sarri.

Mia Immagine

   

Campionato praticamente chiuso

Salvo rimonte clamorose come insegna la precedente settimana di Champions, il campionato si avvia verso la conclusione con il settimo scudetto consecutivo della Juventus. I giocatori azzurri danno l’impressione di non crederci più e i bianconeri appena fanno un passo falso iniziano con una nuova serie di vittorie consecutive anche nelle partite che contano e questo rende sempre più difficile rosicchiare punti se non riesci a tenere il passo. Il Napoli a questi livelli è poco abituato a vincere e basta un passo falso come quello contro la Roma per distruggere in un colpo solo tutte le certezze costruite faticosamente.

Leggi anche:

Ruggito Azzurro: La resurrezione post pasquale

 

 

L’articolo Ruggito Azzurro: Porta sbattuta in faccia sembra essere il primo su Destrosecco.

 

Mia Immagine