LIVE Amstel Gold Race 2018 in DIRETTA: nove in fuga con Tizza e Bono, il gruppo dei migliori riduce progressivamente il gap

Buongiorno e benvenuti alla Diretta LIVE dell’Amstel Gold Race 2018, prima delle tre Classiche delle Ardenne. Oltre 260 chilometri ricchi di strappi, con un finale rinnovato lo scorso anno che potrebbe regalare grande spettacolo già lontano dal traguardo, con l’ultimo passaggio sul Cauberg posto a poco meno di 20 chilometri dalla conclusione. Anche per questo, pronostico apertissimo: dal quattro volte vincitore Philippe Gilbert ad un Peter Sagan che settimana scorsa si è imposto alla Parigi-Roubaix, arrivando a Michal Kwiakowski e Alejandro Valverde, che su queste strade in carriera non ha mai vinto. Per quanto riguarda l’Italia, fari puntati sulla Bahrain-Merida: Sonny Colbrelli è sembrato ritrovato alla Freccia del Brabante e affronta una delle corse più adatte alle sue caratteristiche supportato da Enrico Gasparotto e Vincenzo Nibali. Si attende una risposta da Diego Ulissi, che però arriva da una prima parte di stagione non brillantissima.

OA Sport, come di consueto, vi offrirà la Diretta LIVE integrale dell’Amstel Gold Race 2018. Il via della gara alle 10.30, mentre i primi aggiornamenti arriveranno a partire dalle 10.00 per vivere assieme anche le fasi precedenti al via.

Mia Immagine

   




Il percorso

CLICCA IL TASTO F5 DA DESKTOP O FAI REFRESH SUI TUOI DISPOSITIVI MOBILE PER AGGIORNARE LA PAGINA

16.16 Si affronta ora il Kruisberg, ora il gruppo ha aumentato il ritmo in modo netto

16.15 Caduta di Uran in gruppo, ma non ci sono particolari conseguenze

16.12 Si ricompatta ora il gruppo di testa che ora ha 2′ sul plotone principale

16.05 I fuggitivi sono sul Gulperberg e arrivano i primi scatti dalla testa con Dunbar che prova l’azione

16.01 Nelle prime posizioni ci sono anche gli uomini della Bahrain-Merida: con Pellizotti che sta pilotando Gasparotto, Colbrelli e Nibali

15.56 Secondo passaggio sul Loorberg, ma anche in questo caso il gruppo resta compatto

15.53 Team Sky e Quick-Step Floors stanno facendo un grande lavoro in testa il gruppo, il distacco scende sotto i 4′

15.45 60 km al traguardo, il vantaggio dei nove fuggitivi sta calando drasticamente, ora è di 4’20”

15.38 Non ha fatto danni questo strappo, gruppo sempre compatto

15.33 Inizia il Bemelerberg per i fuggitivi

15.27 Siamo a 70 km dal traguardo, il gruppo continua ad assottigliare il distacco che è ora di 6′

15.18 Situazione stabile, il vantaggio dei fuggitivi è attorno ai 6’30”

15.11 In testa al gruppo troviamo gli uomini del Team Sky, scende di un altro mezzo minuto il gap

15.04 I fuggitivi passano per la seconda volta sul Cauberg, il loro vantaggio è di 7’30”

14.58: splendidi scenari sulle strade olandesi.

14.50:

14.48: riepiloghiamo la situazione. In fuga: Willie Smit (Katusha – Alpecin), Tsgabu Grmay (Trek – Segafredo), Matteo Bono (UAE Team Emirates), Oscar Riesebeek (Roompot – Nederlandse Loterij), Marco Tizza (NIPPO – Vini Fantini – Europa Ovini), Preben Van Hecke (Sport Vlaanderen – Baloise), Bram Tankink (Lotto NL – Jumbo), Lawson Craddock (EF – Drapac) e Eddie Dunbar (Aqua Blue Sport). Il gruppo insegue ad 8′. Circa 100 chilometri al traguardo.

14.41: 100 chilometri all’arrivo per i corridori, ci avviciniamo alla fase decisiva della corsa.

14.38: non molto alta la media in gara. 37,750 km/h dopo quattro ore.

14.34: siamo sul ventesimo strappo di giornata, l’Eyserweg.

14.25: splendido rallenty al centro del plotone.

14.19: vantaggio dei fuggitivi che è sceso sotto i 10′.

14.15: trionfo per Chantal Blaak nella prova al femminile.

14.12: in fuga il veterano Tankink.

14.10: tre squadre in testa al gruppo, sono Astana, Bora – Hansgrohe e Movistar.

14.07: bellissime immagini dalla corsa femminile.

14.03:

14.00: breve sconfinamento in Belgio per la corsa che è prontamente rientrata in Olanda.

13.55:

13.48: anche l’Astana in testa al plotone a dettare il ritmo.

13.46: vantaggio che chilometro dopo chilometro continua a scendere sotto la spinta del gruppo.

13.40: ancora più di 100 chilometri al traguardo.

13.35: andiamo a riepilogare i fuggitivi.

13.25: ovviamente rientra senza problemi il corridore della Quick-Step Floors.

13.23: foratura per un altro belga, Philippe Gilbert.

13.18: scende il margine dei fuggitivi. 13′, gruppo guidato da Movistar e Bora – Hansgrohe.

13.13: problema meccanico accusato da Tim Wellens, che rientra prontamente in gruppo. Il corridore della Lotto-Soudal è uno dei favoriti per la gara odierna.

13.13:

13.10: ricordiamo che nel frattempo si sta disputando anche la gara al femminile, che dovrebbe concludersi tra un’ora circa.

13.05: sono stati percorsi 100km al momento.

13.02: nuovo rilevamento sul vantaggio, siamo a 14’25”.

13.00: il gruppo viene segnalato sempre a poco meno di 15′ dai nove fuggitivi. Ne ricordiamo i nomi: Bram Tankink (Lotto-Jumbo), Tsgabu Grmay (Trek-Segafredo), Willie Smit (Katusha-Alpecin), Matteo Bono (UAE Emirates), Lawson Craddock (EF-Drapac), Oscar Riesebeek (Roompot), Edward Dunbar (Aqua Blue), Marco Tizza (Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini) e Preben Van Hecke (Sport Vlaanderen-Baloise).

12.52: una bellissima immagine del gruppo impegnato in precedenza sul Cauberg

12.44: il gruppo è sempre compatto, i fuggitivi hanno leggermente alzato il ritmo. 82 chilometri percorsi dopo due ore.

12.35: il divario è sceso, anche se di poco, sotto i 15.

12.28: pur senza dare un’accelerazione decisa il gruppo sta iniziando a rosicchiare qualche secondo.

12.22: Bora-hangrohe e Movistar schierate in testa al gruppo, come si vede in questo passaggio dal rifornimento.

12.12: già affrontato il primo passaggio sul Cauberg, salita che caratterizzerà la corsa fino alla conclusione. Saranno tre in tutto i passaggi.

12.07: situazione per ora immutata.

12.00: vantaggio stabile, l’andatura dei fuggitivi e del gruppo in queste fasi di corsa è molto simile.

11.49: il gruppo sembra accelerare.

11.40: per ora tutto tranquillo nel gruppo principale, che è a oltre 15′ dagli attaccanti.

11.37: nella prima ora sono stati percorsi 43 chilometri.

11.30: il gruppo è scivolato a quasi 12′ dai fuggitivi.

11.28: i corridori si stanno avvicinando alla prima ora di corsa. Media che dovrebbe essere superiore ai 40 km/h

11.23: la situazione in corsa sembra essersi stabilizzata

11.16: cresce in maniera esponenziale il margine, che ora è superiore ai 7′

11.07: oltre 4′ per Bram Tankink (Lotto-Jumbo), Tsgabu Grmay (Trek-Segafredo), Willie Smit (Katusha-Alpecin), Matteo Bono (UAE Emirates), Lawson Craddock (EF-Drapac), Oscar Riesebeek (Roompot), Edward Dunbar (Aqua Blue), Marco Tizza (Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini) e Preben Van Hecke (Sport Vlaanderen-Baloise).

11.00: nove corridori hanno guadagnato un paio di minuti sul gruppo, a breve la composizione completa della fuga.

10.55: provano ad allungare due corridori, li inseguono altri cinque.

10.54: il gruppo si era spezzato in due tronconi, ma la situazione è prontamente rientrata.

10.48: e infatti niente da fare, ripresi.

10.46: al momento sono al comando Riesebeek e Pedersen, difficile pensare che possa essere la fuga definitiva.

10.42: neutralizzato un primo tentativo di cinque uomini. Subito altri allunghi.

10.40: subito i primi attacchi, diversi atleti cercano di portare via la fuga della prima ora.

10.37: da sottolineare un minuto di silenzio in ricordo di Michael Goolaerts.

10.30: i corridori hanno preso il via e si stanno dirigendo verso il chilometro zero.

10.25: atleti incolonnati, tutto pronto per il via.

10.20: si avvicina la partenza.

10.17: ecco la presentazione della Bahrain-Merida! Ci sono Nibali, Colbrelli e Gasparotto.

10.16: nella giornata di oggi si disputerà anche la gara femminile. Diverse squadre, di conseguenza, sono state presentate assieme nella formazione al maschile e femminile.

10.13: si avvicina la partenza da Maastricht, dove sarà dato il via ufficioso alla corsa.

10.06: due osservati speciali: Vincenzo Nibali e Peter Sagan

10.03: ecco la UAE Emirates di Diego Ulissi

10.01: iniziano le operazioni di partenza, con le varie squadre che sfilano sul podio di partenza

10.00: mezz’ora alla partenza della gara!

 

Foto: Valerio Origo

 

Mia Immagine