Ennesima strage a scuola, perché gli Usa non prendono provvedimenti?

  

Mia Immagine

Un momento dell'evacuazione dell'istituto di Parkland (Foto: Getty)
Un momento dell’evacuazione dell’istituto di Parkland (Foto: Getty)

La posizione più chiara, che in fondo tocca nel vivo l’aspetto che in Europa comprendiamo meno sull’“epidemia di stragi” con armi da fuoco negli Stati Uniti, l’ha fornita a caldo il senatore democratico Chris Murphy. Uno che il sangue delle pistole impazzite lo conosce bene, visto che viene dal Connecticut, dove nel 2012 vennero uccisi venti bambini alla scuola elementare Sandy Hook di Newtown. Ha parlato poche ore dopo l’ennesima carneficina che ha fatto 17 morti e 15 feriti alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, 70 chilometri a Nord di Miami. L’autore è il 19enne Nikolas Cruz, espulso da quello stesso istituto e già sotto osservazione, col suo fucile automatico Ar-15 e la solita strategia diabolica: avrebbe fatto scattare un allarme per far uscire gli studenti dalle aule.

L’epidemia di stragi di massa, questo flagello di sparatorie nelle scuole, una dopo l’altra – ha spiegato Murphy in aula, quando ancora non era chiaro il numero dei morti – succede solo da noi non per coincidenza, per sfortuna, ma come conseguenza della nostra inazione. Noi siamo responsabili del fatto che in questo Paese si ha questo livello di atrocità di massa che non ha nessun paragone in altre parti del mondo”. I numeri parlano chiaro, li avevamo raccolti in occasione di un’altra strage, quella avvenuta lo scorso ottobre a Las Vegas: 265 milioni di pezzi in mano a privati. Un’arma a testa considerando solo gli americani adulti, escludendo forze dell’ordine ed esercito. Se non fosse che sono concentrati nelle mani di 55 milioni di persone e che la metà di quelle armi è addirittura nei cassetti e negli armadi del 3% della popolazione adulta.

Mia Immagine

Un Paese armato fino ai denti dove pistole e fucili sono oggetti quotidiani, corredo fondamentale del proprio retaggio culturale legato al secondo emendamento alla Costituzione, e gallina dalle uova d’oro dei produttori riuniti nella famigerata National Rifle Association. Non è un caso che, anche stavolta, nelle dichiarazioni di Donald Trump si parli di “sparatoria” (ma per fare una sparatoria bisogna essere almeno in due, se la fa uno solo si chiama strage) e non si faccia alcun riferimento al contesto di merito. Né ai fondi federali per il Gun Background Check System, il già blando sistema per il controllo di precedenti penali e malattie degli acquirenti di armi, ulteriormente indebolito col taglio del 16% da 73 a 61 milioni, come denunciano le associazioni che si battono per il disarmo e una più stringente regolamentazione come la Everytown for Gun Safety.

Insomma, il punto è proprio quello sollevato da Murphy. E cioè che l’infernale meccanismo appare eterno, immutabile, irrisolvibile su cui era tornato qualche settimana fa pure il New York Times, parlando di “assuefazione”: a fine 2017 un genitore su quattro aveva paura di mandare i propri figli a scuola contro il 55% del 1999, dopo Columbine. Come se qualche decina di studenti trucidati ogni tanto stesse diventando qualcosa da mettere in conto. Raggelante. Specialmente visto da fuori. Ma così potrebbe non essere, anche se neppure Obama ha potuto troppo contro il ritornello del “più armati più sicuri” e molti dei suoi decreti esecutivi sono stati cestinati dal successore.

Eppure così non si può andare avanti. Si fa fatica a tenere il conto, in particolare degli eventi avvenuti nelle scuole, crocevia maledetto di queste tragedie, coacervo di paure e timori, drammi giovanili e fragilità (come apparirebbe anche per Cruz) che evidentemente nessuno prende in carico ma a cui chiunque può mettere in mano un fucile. Ci ha provato il Washington Post a tracciare quelle degli ultimi 18 anni: secondo i dati Everytown, per esempio, quest’anno nelle scuole si è fatto fuoco ogni due giorni e mezzo. Stringendo le maglie, sono già sette le sparatorie più gravi nel 2018, più di una a settimana: New Orleans, Los Angeles, Ketucky, Arizona, Texas. E ora Florida. Dal 2000 i fatti di sangue sono stati oltre 130 fra elementari, medie e superiori e 58 ai college e nelle università. Settanta persone uccise e 200 ferite alle superiori, 60 bambini morti e altrettanti feriti alle elementari. Una guerra civile permanente combattuta anzitutto nelle scuole.

The post Ennesima strage a scuola, perché gli Usa non prendono provvedimenti? appeared first on Wired.

Mia Immagine